Estrusione a testa piana e laminazione

Tre sezioni per film multistrato con effetto barriera

Tecnologia - venerdì, 3 agosto 2018

Per la produzione di film multistrato in PA-PE, con proprietà barriera a ossigeno, grassi e aromi, destinato alla realizzazione di buste sottovuoto o vaschette per impieghi alimentari, Amut Dolci Extrusion ha messo a punto, per un trasformatore europeo, un impianto di laminazione a testa piana con capacità oraria da 600 a 900 kg.

La linea è suddivisa in due sezioni per la produzione di film in PA con effetto barriera e in poliolefine (LDPE, LLDPE e ionomeri) e una di accoppiamento e consente di ottenere un prodotto finale con larghezza netta di 1800 mm e struttura in PA/primer/PE+PE/PE+PE+PE, avvolto in bobine con diametro di 800 mm. Efficienza e flessibilità elevate così come il recupero in linea degli scarti contraddistinguono le prestazioni dell’impianto, che produce film esenti da arricciamenti (“curl”) e dalla spiccata trasparenza, caratteristiche importanti soprattutto nella realizzazione di buste sottovuoto.

Più in dettaglio, la sezione per la produzione del film in PA con effetto barriera è composta da un estrusore con sistema di dosaggio gravimetrico, testa piana automatica, chill roll a tre calandre riscaldate, lama d’aria aspirante, gruppo di rulli stabilizzatori, unità di spalmatura del primer a base acquosa, con dispositivo “reverse roll” ed essiccazione a aria calda, e trattamento Corona. Quella per realizzare il film in poliolefine comprende tre estrusori con dosatori gravimetrici, blocco di alimentazione a tre strati, testa piana automatica, chill roll a due calandre raffreddate. La sezione di accoppiamento è composta da due estrusori con dosatori gravimetrici, testa piana automatica, blocco di alimentazione a tre strati, chill roll a tre rulli raffreddati, controllo della pressione di serraggio dei rulli e rullo di stacco.

Ogni stazione è dotata di scanner per il controllo automatico dello spessore e di sistema per il controllo della tensione del film. L’impianto include anche un sistema di rifilatura, recupero e triturazione dei rifili e un avvolgitore automatico di tipo a contatto più gap, con sistema di taglio rifili.


Torna alla pagina precedente