Solvay
Open house sull’LSR

“Rubber Valley” italiana: dove lo stampaggio della gomma è di casa

Tecnologia - lunedì, 27 maggio 2019

Presso la sede di ORP Stampi a Viadanica (Bergamo), nel cuore della così detta “Rubber Valley” italian, si è tenuta il 23, il 24 e il 25 maggio una open house congiunta tra questa azienda, specializzata nella costruzione di stampi per gomma, ed Engel, che per l’occasione ha fornito una pressa victory 120 LIM e una flexseals 300. Tra i partner dell’evento figuravano anche Universal Robots, che ha fornito il cobot installato sulla pressa victory 120 LIM, Dopag, per la pompa di alimentazione del materiale, UTP Vision, per i sistemi di controllo qualità, e Wacker, per la materia prima.

 

L’intento dei tre giorni di evento era quello di mostrare la capacità di ORP Stampi di realizzare anche stampi per la lavorazione del silicone liquido mettendo a frutto un’esperienza quasi quarantennale, come ha sottolineato l’amministratore delegato dell’azienda Aurelio Brevi, ricordando che ORP Stampi è nata il 20 maggio 1980. A tale scopo, in open house veniva stampato un cappuccio per bottiglie di vino e spumante mediante la pressa victory 120 LIM equipaggiata con uno stampo a due cavità realizzato specificamente per l’occasione, da cui l’articolo veniva scalzato dal cobot con entrata dall’alto.

 

La pressa idraulica victory 120 LIM si contraddistingueva per dimensioni contenute e assenza di colone (particolarmente utile, come ha illustrato Matteo Terragni, amministratore delegato di Engel Italia, quando si debba impiegare un robot cartesiano o antropomorfo con entrata laterale), soluzione che assicura il perfetto parallelismo dei piani, requisito indispensabile per ottenere componenti di qualità, in particolare 

quando questi sono articoli tecnici, medicali ecc. Ma tra le dotazioni di questa pressa spiccavano soprattutto la servopompa ecodrive inside e il sistema iQ Control, entrambi sviluppati da Engel.

 

La servopompa ecodrive inside a portata fissa risulta particolarmente conveniente in termini di costi produttivi e impatto ambientale, poiché nella fase di iniezione e stampaggio vero e proprio si ferma, mentre il sistema iQ Control permette di eseguire le singole stampate con controllo del peso anziché del materiale iniettato, a tutto vantaggio della ripetibilità e costanza di produzione.


Torna alla pagina precedente