Industria europea dei cavi in PVC

Puntare su innovazione e sostenibilità

Marketing - venerdì, 10 novembre 2017

Si è tenuta il 26 ottobre a Lione la prima conferenza organizzata da PVC4Cables sul tema "Sostenibilità, innovazione, mercato: i nuovi orizzonti dell'industria dei cavi in PVC”, che ha riunito oltre 110 partecipanti da tutta Europa. La conferenza si è focalizzata, in particolare, sui significativi progressi ottenuti dall'industria dei cavi in PVC in termini di sostenibilità e innovazione, grazie soprattutto allo sviluppo di nuove formulazioni, e sul dibattito sull'impatto sul mercato della regolamentazione europea, in particolare in relazione al CPR (Regolamento sui Prodotti da Costruzione) e alla Direttiva RoHS.

"La grande partecipazione della filiera europea dei cavi in PVC a questa prima conferenza di PVC4Cables è un segnale molto positivo. Questo dimostra che l'intera industria è impegnata a sostenere questo importante settore, condividendo conoscenze ed esperienze", ha dichiarato Carlo Ciotti, portavoce di PVC4Cables, accogliendo i partecipanti.

 

Sessioni mattutine…

Nella sessione di apertura, Cristina de Santos di AMI Consulting, ha presentato un approfondito aggiornamento sul mercato e sui trend dei cavi in PVC. Fili e cavi rappresentano oggi il principale settore applicativo per il PVC flessibile in Europa, assorbendo circa il 7% del PVC prodotto e coprendo il 46% del mercato europeo dei cavi.

CPR, Euroclassi e criteri addizionali, metodi di prova e marcatura CE sono stati trattati da Roland Dewitt, Accipis, che ha anche avviato una stimolante discussione sulla differente attuazione del CPR nei diversi paesi europei. Gli esperti provenienti da Francia, Germania, Italia e Spagna hanno sottolineato come l’attuazione rappresenti di fatto una sfida concreta per il mercato europeo dei cavi. Successivamente, Arjen Sevenster, senior manager di ECVM, ha aggiornato la platea su RoHS e BEMP (Best Environmental Management Practice).

In termini di sostenibilità, negli ultimi decenni sono stati compiuti significativi progressi grazie agli Impegni Volontari dell'industria europea del PVC che hanno contribuito alla progressiva riduzione del consumo di energia e risorse, limitando così le emissioni di GHG (gas a effetto serra), allo sviluppo di una nuova generazione di formulazioni di PVC e allo sviluppo di schemi di raccolta e riciclo.

I cavi in PVC costituiscono oggi una delle principali fonti di PVC riciclato, con oltre 127 mila tonnellate riciclate nel 2016 nell’ambito di VinylPlus, su un totale di oltre 568 mila tonnellate. Sono state inoltre sviluppate nuove tecnologie di riciclo come VinyLoop per ottenere materiale riciclato di alta qualità. Degli sviluppi di VinyLoop ha parlato Francesco Tarantino, direttore generale di VinyLoop, concludendo le sessioni del mattino.

 

... e pomeridiane

Sebbene considerato maturo, il settore dei cavi in PVC mostra una vitalità e un dinamismo in grado di affrontare le principali sfide e priorità in termini di sostenibilità, economia circolare e performance. L'innovazione, in particolare, in tutti i suoi aspetti - polimerizzazione, additivi, compound, lavorazione, riciclo e impieghi finali - è fondamentale per l'industria del PVC. Si stima che più di 12 mila brevetti relativi al PVC vengano rilasciati ogni anno nel mondo, come sottolineato da Daniel Martinz (foto al centro), responsabile tecnico marketing e sviluppo, Specialty Vinyls di Inovyn, che ha presentato nuove formulazioni e sviluppi relativamente alle prestazioni della resina di PVC. “L’innovazione è il cuore dell’industria del PVC. È la chiave per la longevità”, ha aggiunto Martinz.

Enrico Boccaleri, ricercatore presso l'Università del Piemonte Orientale, ha spiegato come l'applicazione di nanotecnologie al settore dei cavi in PVC potrebbe apportare miglioramenti alla resistenza termica, alla degradazione e alle emissioni di acido cloridrico, mentre esempi concreti di come la ricerca e lo sviluppo di nuove formulazioni possano migliorare il comportamento al fuoco dei cavi in PVC sono stati presentati da Gianluca Sarti, del Gruppo compound per cavi di PVC Forum Italia.

Le sessioni pomeridiane su “Innovazione: soluzioni e possibilità” sono state completate da una panoramica sui più recenti sviluppi negli additivi per PVC, con presentazioni di Matthias Pfeiffer, di European Plasticisers, Alain Cavallero, di Espa (l’associazione europea dei produttori di stabilizzanti) e Philippe Salemis, di Pinfa (l'associazione dei ritardanti di fiamma a base fosforo, inorganici e azoto).

“Le presentazioni e il dibattito di oggi hanno dimostrato come ricerca e sviluppo possano portare innovazione in un settore applicativo, come quello dei cavi in PVC, percepito come maturo. Ci auguriamo che eventi come questo possano anche facilitare il networking e stimolare cooperazione tra le differenti componenti della filiera dei cavi in PVC per ulteriori progressi in innovazione e sostenibilità", ha concluso Zdenek Hruska, project manager di PVC4Cables.


Torna alla pagina precedente