Solvay
Ampliamento

Oltre duemila metri quadri in più per la filiale statunitense di Arburg

Tecnologia - giovedì, 27 giugno 2019

Il 14 giugno a Rocky Hill, nel Connecticut, è iniziata ufficialmente l’espansione della sede statunitense di Arburg, che, una volta completata, risulterà più grande di oltre l’80%, pari a una superficie aggiuntiva di circa 2100 metri quadri.

 

“Negli ultimi anni, la nostra attività negli Stati Uniti si è sviluppata significativamente meglio e più rapidamente del previsto. A seguito di questo sviluppo dinamico, la sede statunitense costruita nel 2015, stava già raggiungendo il limite della sua capacità produttiva”, ha commentato l’amministratore delegato Friedrich Kanz, spiegando le ragioni che hanno spinto a espandere la filiale a Rocky Hill.

 

Nuovo padiglione e logistica all'avanguardia

La nuova struttura si estenderà su una superficie di circa 2100 metri quadrati, che consentiranno di dare più spazio alla costruzione e all’esecuzione dei test sui sistemi chiavi in mano, permettendo di adattare le macchine a magazzino alle specifiche dei trasformatori e disponendo di un magazzino ricambi notevolmente più grande.

 

Il nuovo edificio sarà dotato di una logistica moderna e di una gru con una capacità di sollevamento di 40 tonnellate, che contribuiranno anche a migliorare il servizio postvendita della filiale. Inoltre, saranno disponibili ulteriori sale per la formazione dei trasformatori e per seminari tecnici, oltre a 25 postazioni di lavoro aggiuntive per i dipendenti, principalmente dai reparti per lo sviluppo di applicazione, impianti chiavi in mano e servizi.

 

Il mercato estero principale

Gli Stati Uniti rappresentano il mercato estero più importante per il costruttore tedesco. Arburg ha avviato la filiale nordamericana nel 1990 e negli Stati Uniti dispone anche di due Technology Center, uno in California e uno in Illinois. Con 105 dipendenti, Arburg Usa attualmente supporta circa 13 mila macchine installate negli Stati Uniti, in Canada e nella regione al confine con il Messico.


Torna alla pagina precedente