Nuovi dispositivi targati SMC

Eiettore multistadio leggero con elevata potenza di aspirazione

Tecnologia - lunedì, 15 giugno 2020

Per rispondere alla domanda di riduzione del peso derivante dal crescente utilizzo della robotica, SMC ha rinnovato la gamma dei suoi eiettori multistadio. Si tratta di una serie di dispositivi ad alta efficienza, compatti e leggeri nel design ma con una elevata potenza di aspirazione. La struttura del diffusore a tre stadi della serie ZL1/ZL3/ZL6 offre una portata di aspirazione maggiore del 250 % rispetto a un modello monostadio. Inoltre, con il lancio dei modelli ZL3 e ZL6, la portata massima di aspirazione arriva fino a 600 l/min.

 

Nonostante le elevate capacità di aspirazione, questa serie è molto leggera: grazie alla struttura compatta, il carico sulle parti mobili dei robot industriali è ridotto. L’eiettore multistadio integra in un’unica unità il diffusore a tre stadi, il vacuostato, le valvole di alimentazione e rottura del vuoto, il filtro e il silenziatore. Tutte queste caratteristiche rendono il componente particolarmente adatto per contribuire al ridimensionamento delle macchine.

 

Questi eiettori a tre stadi riducono anche il consumo di aria: il modello ZL1 circa del 10%, senza compromettere la portata di aspirazione. Un risparmio energetico ottenuto riducendo la pressione di alimentazione per il livello di vuoto massimo a soli 0,33 MPa, consumando solo 57 l/min. I modelli ZL3 e ZL6 hanno la possibilità di montare un vacuostato digitale con funzione di risparmio energetico che riduce il consumo d'aria fino al 90%, interrompendo l'alimentazione dell'aria quando si raggiunge il vuoto desiderato.

 

Da sottolineare anche la riduzione delle tempistiche di manutenzione e ispezione. Nel modello ZL1 non sono più necessari utensili per la sostituzione del silenziatore e del filtro modulare, mentre i modelli ZL3 e ZL6 facilitano la derivazione delle connessioni grazie alla possibilità di selezionare il doppio attacco del vuoto, con un ulteriore risparmio di manodopera.


Torna alla pagina precedente