Solvay
Anche EuBP favorevole alla strategia UE sulla plastica

Dare più attenzione alle bioplastiche, soddisfazione per la chiarezza sulle oxodegrdabili

Plastica e ambiente - lunedì, 22 gennaio 2018

Secondo European Bioplastics (EuBP), l’associazione che rappresenta l’industria delle bioplastiche in Europa, la strategia europea per le materie plastiche pubblicata il 16 gennaio dalla Commissione Europea, stabilisce obiettivi chiari per ridurre gli sprechi di plastica, aumentare l'efficienza delle risorse e creare valore e crescita occupazionale in Europa, ma non presentare un approccio globale, limitando l'attenzione sul riciclaggio meccanico. La strategia rinvia passi concreti verso la riduzione della dipendenza dalle materie prime fossili attraverso il collegamento dell'economia circolare con la bioeconomia e il sostegno a soluzioni innovative in materiali plastici a base biologica. Inoltre, vengono riconosciuti i contributi dati dalle materie plastiche biodegradabili all’economia circolare, ma mancano ancora misure concrete.

"I materiali plastici ottenuti da materie prime rinnovabili sono un'alternativa sostenibile per molti prodotti in plastica. Per alcune applicazioni, le materie plastiche riciclate non sono sempre adatte a causa di una qualità inferiore o per ragioni di sicurezza. Mentre l'aumento del contenuto di riciclato nella plastica è importante per ridurre le materie prime fossili vergini, è necessario incoraggiare anche le materie prime alternative sostenibili, come quelle biologiche per defossilizzare l'economia delle materie plastiche”, ha dichiarato François de Bie, presidente di EuBP. Sempre secondo l’associazione europea, la sostituzione di una percentuale significativa di materie prime fossili convenzionali con alternative di origine vegetale ridurrebbe le emissioni di gas serra e contribuirebbe a raggiungere gli obiettivi dello Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e dell'Accordo di Parigi. Allo stesso tempo, la mobilitazione della biomassa coltivata nell'Unione Europea per la produzione di materie plastiche a base biologica fornirebbe impulsi all'occupazione, la crescita nel settore della bioeconomia e l'opportunità per gli agricoltori dell'UE di valorizzare flussi e sottoprodotti secondari, sfruttando ulteriori fonti di entrate.

EuBP accoglie con favore l'importanza che la Commissione Europea attribuisce alle plastiche biodegradabili e compostabili e al loro ruolo nei sistemi di raccolta differenziata per i rifiuti organici, al fine di migliorare i flussi di rifiuti puliti e la qualità del riciclo. I vantaggi e l'uso circolare di materie plastiche biodegradabili devono essere considerati soprattutto in questo contesto di riciclo organico. L'associazione è ansiosa di collaborare con la Commissione Europea per individuare le applicazioni e le misure volte a stimolare l'innovazione e a promuovere lo sviluppo del mercato in questo campo. "Oltre al riciclo organico, le plastiche biodegradabili hanno il potenziale per offrire benefici rispetto alla riduzione dell'impatto di alcune applicazioni sull'ambiente marino. In una fase successiva, i materiali, le applicazioni, le norme, le dichiarazioni ambientali e le comunicazioni appropriate devono essere specificati insieme alla Commissione e ad altre parti interessate nelle prossime iniziative, come indicato nella strategia", ha proseguito de Bie.

"Apprezziamo anche l'impegno della Commissione a fare una chiara distinzione tra plastica biodegradabile e plastiche cosiddette oxo-degradabili che dichiarano falsamente di biodegradarsi. Pertanto accogliamo con favore la decisione della Commissione di limitare l'uso delle oxo-plastiche nell'UE. In questo contesto, lavoreremo anche con la Commissione per rendere più chiare e inequivocabili le comunicazioni e le dichiarazioni ambientali e per aumentare gli sforzi per una migliore informazione dei consumatori sul corretto smaltimento dei diversi tipi di bioplastiche", ha aggiunto de Bie.


Torna alla pagina precedente