Solvay
Il trasformatore IVM acquista la seconda Nova eT

Da una pressa idraulica a una elettrica per ottimizzare processo e produttività

Tecnologia - martedì, 23 aprile 2019

A meno di sei mesi dall’acquisto di una pressa a iniezione Nova eT completamente elettrica di Negri Bossi, il trasformatore britannico IVM ha acquistato dal costruttore italiano una seconda macchina da 280 tonnellate con cui produrre un componente auto con superficie anteriore a vista e strutturata da installare sotto il sedile. In precedenza tale componente veniva realizzato con una pressa idraulica da 270 tonnellate in un tempo ciclo di 46 secondi, ma il processo presentava alcune problematiche qualitative legate al gas che rimaneva intrappolato all’interno dei componenti. Nonostante l’utilizzo di un sistema di degasaggio, i difetti superficiali dovuti alla combustione del materiale risultavano inaccettabili.

“I nostri interlocutori erano sorpresi quando gli dicevamo che avevamo scelto per prima cosa una macchina completamente elettrica per aumentare la produttività e migliorare la qualità del pezzo stampato. Tutti sappiamo che queste macchine consumano meno energia, sono più pulite, silenziose e dispongono di un sistema di raffreddamento più piccolo rispetto ai modelli idraulici. Sicuramente questi fattori hanno contribuito alla nostra decisione, sebbene non abbiamo effettuato la nostra scelta finale solo tenendo conto di questi benefici”, ha dichiarato il direttore di IVM, Ian Davidson, spiegando i motivi che hanno portato a passare da una pressa idraulica a una elettrica.

“Eravamo fiduciosi che i vantaggi comprovati della Nova eT avrebbero potuto aiutarci a risolvere i problemi sia di qualità che legati a un tempo ciclo piuttosto lungo. Con l’eliminazione delle problematiche legate alla bruciatura del gas e una riduzione sostanziale del tempo ciclo, abbiamo avuto ragione a essere stati ottimisti. La possibilità di utilizzare la “pre-iniezione” ha risolto i problemi di qualità e apportato miglioramenti al tempo ciclo”, ha aggiunto Davidson a tale proposito.

“La maggior parte della riduzione del tempo ciclo è legata ai vantaggi tecnologici della macchina. Per esempio, il tempo di aperura è stato ridotto di un secondo, la macchina sblocca le ginocchiere durante la fine della fase di raffreddamento. Questo significa che l’accelerazione è istantanea nel momento in cui inizia la fase di apertura stampo. L’espulsione del componente adesso inizia quando l’apertura stampo è a 60 mm. Questa estrazione anticipata elimina anche la sosta tra l’apertura massima e l’inizio della chiusura dello stampo”, ha spiegato il direttore di IVM

“In sintesi, la Nova eT è una macchina veloce se paragonata a una servo idraulica. Tutti i movimenti hanno una alta curva di accelerazione e decelerazione che se accoppiati alla sovrapposizione di tutte le fasi del ciclo dello stampo garantiscono una grande produttività. La tecnologia completamente elettrica ha un prezzo più elevato che solo in parte può essere giustificato dal risparmio energetico. Il taglio del 20% del tempo ciclo è un grande beneficio per noi cosi come una maggiore produttività corrisponde a un costo inferiore del pezzo e a un più rapido ritorno dell’investimento”, ha concluso Ian Davidson.


Torna alla pagina precedente