Secondo trimestre 2017 di Basf

Crescita a doppia cifra e previsioni di incremento delle vendite confermate

Marketing - giovedì, 27 luglio 2017

"Continua l’andamento positivo della domanda anche nel secondo trimestre del 2017. Per il quinto trimestre consecutivo abbiamo registrato un aumento nei volumi di vendita su base annua. Rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, le nostre vendite e gli utili sono migliorati notevolmente", ha commentato Kurt Bock (nella foto in basso), presidente del consiglio di amministrazione di Basf.

Le vendite del Gruppo Basf sono cresciute del 12% rispetto al secondo trimestre del 2016, attestandosi a 16,3 miliardi di euro. Ciò è dovuto in gran parte a prezzi e a volumi più elevati. Considerati i maggiori costi delle materie prime, l’azienda ha aumentato i prezzi di vendita del 7%, dato guidato in particolare dalla crescita dei prezzi nel segmento Chemicals. I volumi delle vendite sono aumentati del 3%. Gli effetti sulla valuta hanno avuto un impatto positivo sulle vendite e, come gli effetti del portafoglio, hanno rappresentato un aumento dell'1%.

Il risultato della gestione operativa (Ebit) al lordo delle imposte nel secondo trimestre ha registrato un aumento pari al + 32% su base annua, raggiungendo i 2,3 miliardi di euro. Il forte incremento è dovuto principalmente a una crescita degli utili nei segmenti Chemicals e Oil & Gas. Una crescita attenuata da utili inferiori registrati nei segmenti Performance Products, Functonal Materials & Solutions e Agricultural Solutions. L'impatto negativo sui guadagni causato dall'incidente verificatosi nel Nord Harbor di Ludwigshafen nell’ottobre 2016 è stato compensato da un indennizzo assicurativo pari a 100 milioni di euro, importo prevalentemente attribuito al segmento Chemicals.

L’utile netto ha raggiunto 1,5 miliardi di euro, con un aumento pari a 404 milioni di euro rispetto al secondo trimestre del 2016. Nel secondo trimestre del 2017, l’utile per azione è stato di 1,63 euro, rispetto a 1,19 euro nello stesso periodo del 2016. L’utile per azione rettificato per imposte e ammortamento delle immobilizzazioni immateriali è stato di 1,78 euro (nel secondo trimestre 2016 era di 1,30 euro).

Il flusso di cassa da attività operative è cresciuto da 2,3 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2016 a 3,0 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2017. Il free cash flow ha raggiunto i 2,1 miliardi di euro, rispetto a 1,3 miliardi dello stesso trimestre dell'anno precedente. Una crescita in larga parte dovuta ad un maggiore utile netto.

Grazie a uno sviluppo positivo registrato a livello macroeconomico nella prima metà dell'anno, Basf ha ora una visione generale più positiva sull’anno. Le previsioni rispetto al contesto economico globale nel 2017 sono le seguenti:

- crescita del prodotto interno lordo: 2,5%;

- crescita della produzione industriale globale: 2,5%;

- crescita nella produzione chimica globale: 3,4%;

- tasso di cambio medio euro/dollaro pari a 1,10 dollari a euro

- prezzo medio del petrolio pari a 50 dollari al barile.

"Confermiamo la nostra previsione di un notevole aumento delle vendite per l’intero anno, pari ad almeno il +6%. Vista la crescita considerevole dell’utile nei primi sei mesi dell'anno, ci aspettiamo ora un notevole aumento dell’Ebit al lordo delle imposte pari ad almeno un +11% per il 2017", ha dichiarato Bock.

"Per la seconda metà del 2017, ci aspettiamo un leggero aumento dell’Ebit al lordo delle imposte rispetto allo stesso periodo del 2016. Questa previsione tiene conto dello sviluppo positivo del segmento Chemicals registrato nella prima metà del 2017, che probabilmente perderà slancio, e considera anche il prezzo del petrolio e del dollaro statunitense più debole delle attese. Fattori che hanno un impatto negativo sugli utili di Basf", ha concluso Bock.


Torna alla pagina precedente