Sicurezza sui luoghi di lavoro

Compound autolubrificanti per caschi di protezione

Materiali - giovedì, 27 luglio 2017

Azienda tedesca produttrice di sistemi di protezione per il capo e l’apparato respiratorio sui luoghi di lavoro, Enha ha sviluppato un meccanismo per migliorare il sollevamento delle visiere dei caschi interamente in tecnopolimero che abbina leggerezza, assenza di impuntamenti e uno scorrimento fluido anche sotto l’azione di una forza minima. Per realizzare la leva che aziona l’apertura della visiera è stato scelto il compound autolubrificante a base di PA 66 Latilub 66-10T Y/15 di Lati, in grado di ridurre il coefficiente di attrito fra due parti in movimento relativo grazie al contributo dato dal PTFE alla lubrificazione. In altre parole, il sollevamento della visiera risulta più semplice e agevole.

L’affidabilità nel tempo del meccanismo, invece, è affidata alla fibra aramidica dispersa nella matrice polimerica. Tale additivo, infatti, consente di contenere al minimo l’usura adesiva e abrasiva, anche quella dovuta a polveri e impurità inevitabilmente presenti nei luoghi di lavoro.

Per realizzare altri particolari del sistema di sollevamento che richiedevano la riduzione dell’usura, Enha ha utilizzato Latilub 66-01M, altro compound autolubrificante a base di PA 66 di Lati, additivato con bisolfuro di molibdeno.

I tecnopolimeri selezionati devono soddisfare anche altre fondamentali esigenze, su tutte la robustezza meccanica dell’assieme e la stabilità dimensionale delle singole parti. L’adozione di materiali autolubrificanti è una scelta volta a garantire il funzionamento costante e affidabile di elementi come sistemi di scorrimento, pattini, ingranaggi, cinematismi, boccole ecc., proprio perché viene resa possibile la trasmissione di movimento in assenza di lubrificanti esterni.


Torna alla pagina precedente