Digitalizzazione e sostenibilità

Basf fornirà l’impronta di carbonio di tutti i suoi prodotti

Materiali - venerdì, 31 luglio 2020

Grazie allo sviluppo di una nuova soluzione digitale, Basf sarà in grado di fornire l’impronta di carbonio di ognuno dei suoi circa 45 mila prodotti. Nel calcolo dell’impronta di carbonio verranno calcolate tutte le emissioni generate da un prodotto fino al momento in cui questo lascia lo stabilimento in cui è stato realizzato.

 

“Sostenibilità e digitalizzazione sono componenti essenziali della nostra strategia, che implementiamo con coerenza e costanza. Calcolare l’impronta di carbonio associa i due aspetti e permette di offrire ai nostri clienti una maggiore trasparenza relativamente alle emissioni di ciascuno dei prodotti che il gruppo fornisce loro. A sua volta, questo ci consente di sviluppare, insieme ai nostri partner di business, programmi volti a ridurre le emissioni di gas serra lungo tutta la filiera, fino al consumo finale", ha spiegato Martin Brudermüller, presidente del consiglio di amministrazione di Basf.

 

“Le questioni relative alla tutela del clima stanno diventando sempre più rilevanti per i nostri clienti e noi saremo presto in grado di supportarli, mettendo a disposizione dati affidabili per raggiungere gli obiettivi climatici che si sono prefissati. Le PCF (Product Casrbon Footprint, ndr) forniscono informazioni preziose rispetto alle misure da seguire per minimizzare produzione ed emissione dei gas serra. In questo senso, impiegando materie prime alternative ed energie rinnovabili, noi stiamo già contribuendo a ridurre l’impronta di carbonio di ciò che i nostri clienti producono”, ha dichiarato Christoph Jäkel, che guida la Corporate Sustainability.

 

Per esempio, Basf impiega il Biomass Balance: un metodo che, all’interno di un processo produttivo, sostituisce le risorse fossili con materie prime rinnovabili prodotte con rifiuti organici e olii vegetali, assegnandole al prodotto finale con regole matematiche. Biomass Balance viene adottato anche nell’ambito del progetto ChemCycling. Quest’anno, infatti, Basf ha già iniziato a consegnare ai propri clienti prodotti intermedi ottenuti dai rifiuti plastici riciclati chimicamente e poi riutilizzati come materia prima. Questi prodotti vantano le stesse proprietà di quelli ottenuti unicamente da materie prime fossili ma, ovviamente, la loro impronta di carbonio risulta decisamente inferiore.

 

La tutela del clima è un obiettivo importante, nell’ambito della strategia del gruppo, che si è dato l’obiettivo, a fronte di una maggiore produzione, di mantenere costante il livello di emissioni di gas serra fino al 2030. L’approccio di Basf lavora, in parallelo, su tre fronti: aumentare l’efficienza produttiva, utilizzare energia da fonti rinnovabili e sviluppare processi radicalmente nuovi e caratterizzati da basse emissioni.

 

Basf può contare su oltre 25 anni di esperienza nei metodi di valutazione e misurazione della sostenibilità. L’approccio prevede la raccolta e l’elaborazione di dati sul contributo alla sostenibilità, così come avviene nei modelli SEEBalance o Sustainable Solution Steering. La multinazionale calcolerà le PCF basandosi anche sulle emissioni dei propri impianti oltre che su dati medi, di qualità, relativi a materie prime ed energia acquistate. Questo metodo è conforme alle norme generali per l'analisi del ciclo di vita come le ISO 14044 e ISO 14067, nonché al Greenhouse Gas Protocol Product Standard. 

Basf si attiva con impegno affinché vengano introdotte linee guida specifiche per il calcolo della PCF nell'industria chimica, al fine di creare condizioni di valutazione omogenee che consentano le comparazioni tra i prodotti. “Stiamo attualmente lavorando con diversi partner di business proprio per promuovere la standardizzazione", ha concluso Jäkel.


Torna alla pagina precedente